In questo articolo parliamo degli abiti da cerimonia 2013

In questo articolo parliamo degli abiti da cerimonia 2013, è vero che i parenti non devono essere più appariscenti della sposa, ma è anche vero che un tocco di stile non guasta mai.

Abiti online, Il classico tailleur giacca e gonna adesso è troppo vintage.

Abiti da sera, Le ultime tendenze puntano invece sull’abito corto, magari in tinta unita, che veste di femminilità le invitate.L’abito ha alcune caratteristiche comuni tra i vari stilisti-La scollatura a V, che viene impreziosita in vari modi: c’è chi punta sul pizzo, chi sulle pailettes.

Abiti da cerimonia da sera, L’idea è di enfatizzare le naturali curve delle donne, pur mantenendo quel tocco di eleganza e di charme che non può mancare il giorno del matrimonio della vostra amica del cuore.-Monospalla o semplice bustino? Su questo gli abiti si dividono, c’è chi punta su una monospalla sottile, magari con una splendida spilla a forma di fiore per quel tocco Ecochic tanto di moda stando alle ultime tendenze 2013. La monospalla è particolarmente apprezzata su abiti in tinta nera, elegante e seducente grazie allo spacco laterale che scopre una gamba, o in tinta pastello.

Abiti damigelle, Il bustino, invece, è indicato per le tinte sul rosa.

Abiti da cerimonia on line,-Rosso fuoco e colori metallizzati per l’abito lungo. L’abito lungo non passa di moda in questo 2013, ma si reinventa in nuove tinte e in nuove forme. L’abito è un tubino con scollatura a V e spalline molto sottili. L’utilizzo di materiali come il raso di seta mostra la donna in tutto il suo splendore, mentre il colore rosso acceso o grigio metallizzato danno l’idea di una donna che sa quello che vuole, senza sminuire la sposa.-Per chi ama il cortissimo, le ultime tendenze consigliano un tubino molto corto con ampia scollatura a V, impreziosita con pailettes nelle rifiniture. L’abito si completa con delle rose rosso fuoco decisamente glamour. Tra le collezioni più interessanti troviamo sicuramente quella degli abiti da cerimonia Luisa Spagnoli di cui abbiamo parlato in un articolo pubblicato in passato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s